Una presentazione di gran successo: dalla Prima squadra al settore giovanile, dalle nuove maglie al marchio BEE e l'inno giallonero

L’elegante cortile della Corte Agresti di Traversetolo è stato il suggestivo scenario della presentazione della società Piccardo Traversetolo, presentata in tutto il suo evolversi dall’attenta regia del giornalista della Gazzetta di Parma Marco Bernardini.

Anche quest’anno la presentazione della squadra di Franco Scrinzi è stato un momento di sport, di aggregazione ma soprattutto è stata un’ulteriore conferma della volontà del presidente di voler stupire, di non volersi mai accontentare e di cercare assiduamente di aggiungere ad ogni stagione un nuovo tassello capace di accrescere il prestigio della propria “creatura” nonché del paese intero. Società sportiva e comunità di Traversetolo sempre di più si muovono in sincrono, stimolandosi vicendevolmente rafforzando quel legame di collaborazione che porta entrambi a dipendere uno dall’altro e a allo stesso tempo sapersi riconoscenti l’uno verso l’altro per quanto finora fatto, con la consapevolezza che si può ancora migliorare.

Serietà, organizzazione e perpetuo moto innovativo sono ormai tre sinonimi di Piccardo Traversetolo. “Rinnovarsi o morire” di dannunziana memoria potrebbe essere il motto anche della società di Traversetolo, così dopo le presentazioni di rito il presidente e il sindaco di traversetolo Dell’Orto hanno presentato le migliorie già apportate al centro sportivo e quelle in corso d’opera, lavori che contribuiscono a perfezionare un centro sportivo che è già un gioiello per la categoria, ulteriore conferma che a Traversetolo si fanno fatti e non parole.

Poi il presidente Franco Scrinzi ha preso la parola per presentare le due novità della nuova stagione, nuovi tasselli che spingono sempre nella direzione di concepire la società Piccardo Traversetolo come un’avanguardia per il calcio dilettantistico. Un’avanguardia che vuole perfezionarsi e configurarsi come una società di categoria superiore che se di primo acchito può portare le rivali a storcere il naso nel contempo le obbliga ad emularne il percorso, innalzando così tutto il livello del calcio dilettantistico.  

Le due novità della stagione in corso pensate per rafforzare l’immagine della società riguardano la creazione di un “logo individuante” e dell’inno societario. Il logo BEE raffigurato da una vespa pronta a pungere capeggerà su tutto il materiale tecnico e di rappresentanza delle squadre Piccardo Traversetolo.

Dopo aver presentato il logo Scrinzi ha invitato sul palco colui che ha realizzato l’inno: Michele Belli, al secolo Mike Lunacy leader deiDark Lunacy, band melodic death metal, di fama internazionale. Il cantante ha prima spiegato che l’inno vuole essere uno sprono per tutti a non arrendersi, a lottare sempre lealmente e ad amare i colori giallo neri che rappresentano la società dopo ha dato il via all’ascolto del brano, accompagnato dalle eloquenti immagini montate da Giulio Putelli. L’ascolto dell’inno, cantato dai bambini del settore giovanile, ha rivelato una volta di più la volontà innovativa della Piccardo Traversetolo, trattandosi di un inno che per melodia e parole si discosta notevolmente da tutti gli altri inni delle squadre di calcio.

La serata poi è proseguita in maniera più canonica con la parola che è passata al Direttore Generale Andrea Boni (altra novità rispetto la stagione precedente, anche se nel caso del direttore generale si tratta di un lieto ritorno). Andrea Boni con l’ironia che lo contraddistingue ha presentato l’organigramma societario chiamando sul palco tutti coloro che lavorano nell’ombra per perfezionare gli ingranaggi della macchina Piccardo Traversetolo. Sempre al direttore generale è spettato il compito di presentare la nuova campagna abbonamenti, dopo di ché è arrivato al momento clou della serata, quello che da sempre è il più atteso: la presentazione delle nuove maglie da gare dell’eccellenza e tanto per essere monotoni anche in questo caso si tratta di maglie innovative che come ci ha tenuto a precisare Matteo Maestri (responsabile commerciale della ditta CP EVOLUTION) sono realizzate con materiale a km0 e realizzate interamente all’interno della provincia di Parma (San Secondo) dalla stessa azienda.

Marco Bernardini a poi lasciato spazio alla presentazione delle squadre, dall’Eccellenza ai bimbi del 2013, intrattenendo simpatici siparietti con esponenti di tutte le squadre. Così la serata è andata a concludersi e al rinfresco nonostante la moltitudine di persone accorse si è respirata una atmosfera famigliare, quelle atmosfere che riconciliano con il mondo dello sport e che danno senso ha tutti gli sforzi che una società dilettantistica affronta annualmente, non per vana gloria ma semplicemente per la convinzione che le cosa vadano fatte nel modo migliore possibile e che tutti ne possano godere, perché lo sport è principalmente unione, condivisione e festa dal mondo dei più piccoli a quello degli adulti.


Photogalley della serata.

Video della serata.

via Delia 1, 43029 Traversetolo (PR) - P.IVA: 02805210347